Aires
 


mercoledì 9 dicembre 2015

 

ECOBONUS GIOVANI COPPIE

5 BUONI MOTIVI PER ESTENDERLO AGLI ELETTRODOMESTICI

 Alcune considerazioni relative alla norma prevista in DDL Stabilità che consentirà l’applicazione di un bonus fiscale alle giovani coppie che acquisteranno mobili

  

Questa previsione potrebbe essere migliorata estendendo la misura agli elettrodomestici a basso consumo energetico.

Molte buone ragioni militano a favore dei questa modifica:

1.    E’ certo nell’interesse dei beneficiari della norma, ovvero le coppie Under 35, poter avere la più ampia gamma di prodotti acquistabili per la propria nuova casa;

2.    Gli Elettrodomestici di base sono certamente indispensabili per la abitabilità;

3.    La capienza di € 16.000, attualmente approvata, potrebbe non essere pienamente utilizzata da molte coppie con più limitate disponibilità di spesa  per i soli mobili (che ovviamente non acquistano forniture di alto design o fatte su misura);

4.    Sarebbe probabilmente più semplice e più coerente estendere i contenuti dell’Ecobonus Ristrutturazioni (che non è ovviamente cumulabile) alle Giovani Coppie favorendo quindi l’acquisto di grandi Elettrodomestici in Classe A +e superiore;

5.    I giovani sono i più attenti ai temi ecologici e questa misura potrebbe essere un ulteriore incentivo per aumentare la sensibilità ambientale anche nelle classi meno abbienti e anche nei tanti stranieri che meritano integrazione e opportunità stabili nel nostro Paese.

Di seguito il testo dell’ODG approvato al Senato: Aires auspica che il Governo possa condividerlo e inserirlo settimana prossima nel Maxi-Emendamento alla Legge di Stabilità.

 

 Emendamento:

Articolo 1

Al comma 42, primo periodo, sostituire le parole: «di mobili ad arredo», con le seguenti: «di mobili ad arredo, di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+, nonché A per i forni, per le apparecchiature per le quali sia prevista l'etichetta energetica».

Conseguentemente, al comma 525, sostituire le parole: «5,5 per cento», con le seguenti: «5,65 per cento».

 

MOTIVAZIONE

L’emendamento interviene all’articolo 1, comma 42, estendendo la detrazione di imposta lorda per le giovani coppie acquirenti di unità immobiliare da adibire ad abitazione principale, anche per l’acquisto di grandi  elettrodomestici  di classe non  inferiore  alla  A+,  nonché  A  per  i  forni,  per  le apparecchiature per le quali  sia  prevista  l'etichetta  energetica.

L’obiettivo è di rendere la disposizione omogenea con quanto previsto all’articolo 16 (Proroga delle detrazioni fiscali per interventi  di  ristrutturazione edilizia e per l'acquisto di mobili) del decreto-legge 4 giugno 2013, n. 63, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2013, n. 90, (Disposizioni urgenti per il recepimento della Direttiva 2010/31/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 19 maggio 2010, sulla prestazione energetica nell'edilizia), che prevede la detrazione dall'imposta  lorda sia per le categorie di mobili che di grandi elettrodomestici.

Inoltre, considerato i risultati positivi dell’applicazione dell’ecobonus per le ristrutturazioni edilizie, con questo emendamento si vuole incentivare i consumi nel settore dell’elettronica di largo consumo, già gravato dal perdurare della crisi.

Si segnala inoltre che l’Ecobonus ristrutturazioni ha effettivamente aiutato una significativa inversione di rotta nei dati di vendita (grafico allegato).