Aires
 


venerdì 6 novembre 2015


La Confederazione sottolinea che "molte imprese della Gdo - piccole, medie, grandi e grandissime - su tutto il territorio nazionale applicano e si riconoscono nel contratto sottoscritto da Confcommercio e rinnovato con Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs-Uil lo scorso 30 marzo".

"Confcommercio sottoscrive il contratto del terziario per una pluralità di imprese che occupano complessivamente tre milioni di lavoratori. Tra queste imprese - piccole, medie, grandi e grandissime - vi sono anche quelle della Gdo dove questo contratto è stato sempre applicato. E ancora oggi molte imprese di questo comparto su tutto il territorio nazionale applicano e si riconoscono nel contratto sottoscritto da Confcommercio - rinnovato con Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs-Uil lo scorso 30 marzo - che risponde a specifiche esigenze anche delle aziende piu strutturate e di maggiori dimensioni, ad esempio nella flessibilità dell'orario di lavoro, nella gestione dei picchi di attività, nel favorire la produttività aziendale, nella puntuale definizione di tutte le figure professionali presenti nel terziario di mercato". Così la Confederazione a proposito dello sciopero proclamato per sabato 7 novembre dagli addetti delle aziende aderenti a Federdistribuzione, Confesercenti e Distribuzione Cooperativa. "Questo contratto ha inoltre saputo coniugare la congiuntura economica sfavorevole con gli aumenti retributivi su una vigenza contrattuale più ampia. Confcommercio da sempre sottoscrive contratti innovativi apprezzati dalle imprese e dai lavoratori e, ad oggi, il contratto di Confcommercio, che si conferma come quello più applicato in Italia a tutti i comparti del terziario, distribuzione e servizi, compreso il commercio al dettaglio, è l'unico contratto in vigore di riferimento anche per il comparto della grande distribuzione", conclude la Confederazione.


www.confcommercio.it/-/confcommercio-contratto-terziario-applicato-anche-nella-grande-distribuzione