Aires
 


martedì 22 marzo 2016

 

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato una nuova guida per gli utenti

L’ultimo aggiornamento dell’Agenzia delle Entrare relativo al bonus Mobili, prorogato per tutto il 2016, ricorda i benefici dell’agevolazione e le condizioni per accedervi. Chi ha effettuato una ristrutturazione e ne abbia sostenuto le spese a partire dal 26 giugno 2012, o intenda effettuarla entro quest’anno, ha diritto a una detrazione del 50% su un importo massimo di 10 mila euro per l’acquisto dell’arredamento per l’immobile ristrutturato, anche se per un ambiente diverso da quello oggetto di intervento edilizio. I beni detraibili sono mobili e grandi elettrodomestici in classe non inferiore alla A+ (A per i forni), che vanno acquistati tra il 6 giugno 2013 e il 31 dicembre 2016.


Nell’importo possono essere comprese anche le spese per il trasporto e il montaggio.

“Per ottenere il bonus”, spiega la guida, “è necessario che la data dell’inizio dei lavori di ristrutturazione preceda quella in cui si acquistano i beni. Non è fondamentale, invece, che le spese di ristrutturazione siano sostenute prima di quelle per l’arredo dell’immobile. La data di avvio dei lavori può essere dimostrata, per esempio, da eventuali abilitazioni amministrative o dalla comunicazione preventiva all’Asl, se è obbligatoria. Per gli interventi che non necessitano di comunicazioni o titoli abilitativi, è sufficiente una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà”.


Il pagamento per mobili ed elettrodomestici deve essere effettuato tramite bonifico bancario o postale, o con carta di credito e di debito. La guida riporta le indicazioni che vanno inserite e i documenti che vanno conservati ai fini della detrazione. Essa può essere ottenuta indicando nella dichiarazione dei redditi le spese sostenute, ripartendole in 10 quote annuali di pari importo.


Tra le risposte ai quesiti frequenti la guida indica che anche la sostituzione di una caldaia dà l’accesso al bonus, purché assicuri un risparmio energetico superiore alla precedente.


Per tutti gli ulteriori chiarimenti è possibile consultare la guida allegata.