Aires
 


mercoledì 18 maggio 2016

 

Il presidente di Confcommercio è intervenuto all'Assemblea pubblica di Confcommercio-As.Co Verona. "Abusivismo, contraffazione, usura, rapine ed estorsioni sottraggono al commercio e al turismo ogni anno oltre 27 miliardi di fatturato, mettendo a rischio 260mila posti di lavoro regolari. Questo non è tollerabile e non ce lo possiamo permettere".

"La sicurezza è la priorità e per garantirla serve tolleranza zero". Lo ha detto il presidente  di Confcommercio, Carlo Sangalli, intervenendo all'Assemblea pubblica di Confcommercio-As.Co. Verona sul tema "Oltre la paura, sicurezza come base di crescita economica".  "La sicurezza è l'assoluta priorità - ha aggiunto – però occorre severità anche nei confronti dei commercianti che non si comportano bene". "Ma un negozio che chiude - ha aggiunto Sangalli - è un pezzo di democrazia che si perde" . Il presidente di Confcommercio ha quindi specificato che "legalità e sicurezza sono sicuramente il requisito di una democrazia compiuta, ma sono anche condizioni essenziali per un'economia sana e per un mercato che funziona. Purtroppo ci sono anche dei costi sociali e dei fenomeni criminali molto pesanti: mi riferisco ad abusivismo, contraffazione, usura, rapine, estorsioni".  Sangalli ha poi spiegato che "sottraggono al commercio e al turismo ogni anno oltre 27 miliardi di fatturato, mettendo a rischio 260mila posti di lavoro regolari. Questo non è tollerabile e non ce lo possiamo permettere. Ed è per questo che non chiediamo tolleranza zero contro ogni forma di illegalità, sostenendo l'azione fondamentale delle forze dell'ordine e della Magistratura, fatta di interventi preventivi e repressivi con controlli serrati e pene certe".


http://www.confcommercio.it/-/sangalli-criminalita-verona