Aires
 


venerdì 28 ottobre 2016


Secondo una bozza della manovra, dal 2018 l'Iva al 10% salirebbe al 13% e quella al 22% sarebbe portata al 25%. Per quest'ultima poi vi sarebbe un ulteriore incremento dal 2019, pari allo 0,9%. "Le aliquote nominali dell'Iva porterebbero l'Italia ai vertici mondiali. Un record pernicioso per i consumi e per la crescita".

Niente aumento delle aliquote Iva del 10 e del 22% nel 2017, che però sono destinate ad essere incrementate a partire dal 2018. Secondo una bozza della manovra dal 2018 l'Iva al 10% salirebbe al 13% e quella al 22% salirebbe al 25%. Per quest'ultima poi vi sarebbe un ulteriore incremento dal 2019, pari allo 0,9%. Immediata la replica di Confcommercio: attraverso una nota del suo Ufficio Studi, la Confederazione fa sapere che "se venissero confermate le indiscrezioni sull'aumento dell'Iva nel 2018 e nel 2019, il Paese dovrebbe prepararsi a una prolungata stagnazione, che nessun incentivo agli investimenti potrebbe scongiurare". "Dalle indiscrezioni trapelate sembrebbe che nel 2018 le maggiori imposte indirette ammonterebbero a oltre 19 miliardi di euro per arrivare a circa 23 miliardi nel 2019. Contestualmente, le aliquote nominali dell'Iva - già elevate nel confronto internazionale - porterebbero l'Italia ai vertici mondiali. Un record pernicioso per i consumi e per la crescita". "Al di là di ipotesi fantasiose – conclude l'Ufficio Studi - sugli effetti della traslazione degli incrementi sui prezzi al consumo, il paventato drenaggio di risorse dal settore privato a quello pubblico, configurando una politica fiscale fortemente restrittiva, vanificherebbe da subito, attraverso l'ulteriore calo di fiducia, i notevoli sacrifici fatti, in questi lunghi anni di crisi, dalle imprese e dalle famiglie italiane per assicurarsi un futuro più sereno dentro la comunità internazionale".


www.confcommercio.it/-/confcommercio-su-indiscrezioni-aumento-iva