Aires
 


mercoledì 21 dicembre 2016


"A dicembre le famiglie italiane avranno un po' più di reddito disponibile anche per effetto dell'abolizione della Tasi sulla prima casa. Quindi è lecito attendersi un incremento degli acquisti. Non tanto per i regali in senso stretto, la cui spesa dovrebbe essere in linea con quella dello scorso anno, quanto piuttosto per le spese per la casa, per gli alimentari da ricorrenza e per le vacanze. Tuttavia, la vitalità dei consumi, fino ad oggi incerta e discontinua, anche a dicembre sarà condizionata da un clima di fiducia pericolosamente decrescente che potrebbe portare le famiglie a risparmiare anziché consumare.  Inoltre, gli scenari interni e internazionali presentano ombre e rischi di vario genere. Tutto ciò rende ancora più pressante la necessità di una riforma fiscale che punti con coraggio e determinazione al taglio generalizzato delle aliquote Irpef". Così il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, a commento dei  numeri diffusi dall'Ufficio Studi sui consumi di fine anno.


http://www.confcommercio.it/-/sangall-su-consumi-natale-2016